Chirurgia orale
 
ESTRAZIONI
Quando l’elemento dentario non è più recuperabile, o per frattura, o per un’infezione non più risolvibile endodonticamente, necessita di estrazione.
Ovviamente viene sempre eseguita l’anestesia locale, che permette di effettuare la procedura estrattiva in tutta tranquillità per i pazienti.
 
Estrazioni dei denti del giudizio
In alcuni casi i denti del giudizio vanno estratti. Non è corretto pensare che vadano estratti solo quando dolenti; anzi, nella maggior parte dei casi viene posta indicazione all’estrazione quando essi sono asintomatici e rappresentano un potenziale problema in futuro: per esempio se cariati, se malposti, se in rapporto con la gengiva adiacente tale da comprometterne (in termini di sanguinamento e di infiammazione) la salute.
Essi possono essere anche inclusi nell’osso, anche solo parzialmente: sarà compito del clinico valutare le eventuali indicazioni alla terapia estrattiva.
Ad esempio una loro malposizione dentro l’osso può provocare quel quadro clinico denominato disodontiasi, caratterizzato da forte dolore irradiato all’angolo della mandibola o alla testa, tumefazione, e trisma (difficoltà nell’aprire la bocca).
Nei denti del giudizio a rischio è consigliata pertanto l’estrazione preventiva. 
 
Pericoronarite
Disodontiasi


Diversi quadri di disodontiasi:
Aspetto radiografico di disodontiasi: all’apertura del lembo per l’estrazione si evidenzia una notevole quantità di pus
Rx di 4.8 in inclusione parzia...
Incisione e fuoruscita di pus


Il dente del giudizio, incluso dentro l’osso spinge contro il dente davanti
Dente del giudizio impattato
 
Scappucciamento per estrarre un dente del giudizio incluso dentro l’osso
4.8 in inclusione
Lo stesso elemento scappucciat...
 

 
Allungamento di corona clinica
E’ la procedura chirurgica necessaria per rendere “sopragengivale” (quindi per poter controllare, rifinire e sottoporre a miglior igiene un restauro altrimenti gestibile con difficoltà dal punto di vista igienico e su cui graverebbe prognosi sfavorevole) un margine di cavità cariosa o un futuro bordo protesico.
In anestesia locale si incide pertanto la gengiva, si esegue un' osteotomia sul tessuto osseo sottostante in misura adeguata; infine la gengiva viene riposizionata “apicalmente”(cioè più in basso), sopra il nuovo margine osseo così ottenuto, suturandola.
 
2.4 e 2.5 con ampia carie sott...
La gengiva riposizionata dopo ...
Guarigione avvenuta

Il caso finalizzato mediante c...

Caso clinico: eseguito l’intervento, che serve a rendere sopragengivale il margine della ricostruzione, i due elementi vengono monconizzati e rivestiti mediante corone in ceramica.

 


 

ALTRI INTERVENTI ODONTOSTOMATOLOGICI
 
Nel nostro studio ci occupiamo di tutta la chirurgia ambulatoriale odontostomatologica:
 
Frenuli
In età pediatrica è possibile constatare un’ipertrofia dei frenuli che possono provocare problemi di fonazione (frenuli linguali) o di mancato avvicinamento degli incisivi centrali superiori (diastema).
 
Frenulo interincisivo
Frenulo operato
 
 

 
Papillomi
Sono lesioni su base virale che si presentano in forma sessile o peduncolata, e sono l’equivalente delle verruche cutanee riferite però al cavo orale
Papilloma sul bordo linguale
Il medesimo papilloma resecato
La ferita chirugica, minima

Il papilloma sulla faccia inte...
La resezione
l'area guarita
 

 
Cisti di origine endodontica/apicectomie
Quando un elemento dentario ha un’infezione di origine endodontica (per esempio un granuloma o un ascesso ricorrente che può o meno dare origine ad una vera e propria cisti) e non è più possibile ritrattarlo endodonticamente, occorre intervenire scollando la gengiva e accedere direttamente alla zona affetta dalla lesione, per poterla bonificare.
Cisti di origine endodontica
In particolare, una volta rimosso tutto il tessuto granulomatoso attorno alla radice dentaria, si rimuove da quest’ultima l’apice e lo si sigilla (“otturazione retrograda della radice”)
Otturazione apicale retrograda...
Eventualmente la cavità residua può essere riempita di materiale osteoconduttivo per facilitare la riossificazione del sito.
Innesto di materiale osteocond...
 
 
 

Grossa lesione di origine endodontica e guarigione radiografica della stessa.
la cavità cistica prima dell'i...
la cavità cistica residua dopo...
Guarigione a sei mesi

  
 
Quando il dente o i denti non sono più recuperabili per mezzo di un’apicectomia, occorre provvedere all’estrazione dell'elemento o degli elementi coinvolti.
Cisti radicolari (si notano pe...
Le cisti una volta rimosso il ...
 Frattura della radice del molare che sosteneva il ponte e i residui della cisti


 
La chirurgia odontostomatologica è un ramo in continua evoluzione, per tecniche e strumentazioni, per cui le sue suddivisioni sono diventate vere e proprie super-specializzazioni: l’IMPLANTOLOGIA , la PARODONTOLOGIA  e la CHIRURGIA PLASTICA GENGIVALE
 

Tutte le fotografie sono relative a casi clinici curati nel Nostro Studio

 
 

tutti i diritti riservati Copyright 2010
e-mail: info@cristianodaviso.com
Piva: 02648660047
Iscr. Albo Medici Chirurghi: 3390
Iscr. Albo Odontoiatri: 373